MONETARIO - Cosa succede oggi giovedì 13 agosto

giovedì 13 agosto 2009 07:33
 

* Al termine della riunione di politica monetaria, la Federal Reserve ha confermato, come atteso, i tassi di interesse tra lo 0 e lo 0,25% e ha affermato di vedere i primi segni di stabilizzazione dell'economia. La banca centrale non ha aumentato il programma di acquisto da 300 miliardi di titoli di stato, ma ne ha allungato i tempi, annunciando di volerlo portare a conclusione entro fine ottobre.

* Da Francoforte è atteso per le 10 il bollettino mensile della Bce. Stark in un'intervista ha detto che l'economia della zona euro potrebbe tornare a crescere prima di quanto si pensasse precedentemente, sebbene la zona euro non sia ancora su un sentiero di crescita sostenibile, poiché la stabilizzazione e l'atteso ritorno alla crescita sono legati alle misure di stimolo dei governi.

* Attesa da Germania, Francia e zona euro la stima sul Pil del secondo trimestre. Per la zona euro le previsioni sono di una contrazione congiunturale dello 0,5% e di una tendenziale del 5,1%. Ha sorpreso negativamente ieri il dato sulla produzione industriale della zona euro, risultata in contrazione dello 0,6% su mese a fronte di stime per un rialzo dello 0,3%, e del 17% su anno contro stime per un calo del 16%.

* Gli investitori attendono stamane l'asta del Btp 5 anni giugno 2014 per un ammontare compreso fra 2,5 e 3,5 miliardi di euro. I trader non si aspettano alcun problema sulla richiesta e ieri non si è vista alcuna pressione specifica sul comparto a cinque anni né sul titolo specifico.

* Il prezzo del greggio risale verso i 71 dollari al barile sulle piazze asiatiche, mettendo fine a quattro giorni consecutivi di perdite. Il rialzo è stato sostenuto dalle affermazioni della Federal Reserve che, parlando di una stabilizzazione dell'economia, ha fatto sperare in una ripresa della domanda mondiale di petrolio. I dati settimanali sulle scorte non sono stati però incoraggianti, con un aumento di 2,5 milioni di barili di scorte di greggio, contro previsioni per 700.000. Intorno alle 7,30 il contratto a settembre sul Nymex sale di 58 centesimi a 70,74 dollari, il Brent di 55 centesimi a 73,44 dollari.

  Continua...