PUNTO 1-Italia,Ref/Confesercenti rivede in calo crescita,deficit

venerdì 12 settembre 2008 11:12
 

(aggiunge dati e commenti da rapporto)

S. MARTINO IN CAMPO (Perugia), 12 settembre (Reuters) - Il rapporto Ref/Confesercenti rivede ulteriormente al ribasso per l'Italia le stime di crescita (per quest'anno prossima a zero) ed in peggioramento quelle di deficit rispetto le previsioni annunciate a fine luglio.

Secondo il rapporto, l'Italia è frenata da una domanda interna in ulteriore restringimento mentre segnali incoraggianti vengono dal ridimensionamento del prezzo del petrolio e dall'inflazione vista in rallentamento il prossimo anno.

Il rapporto è stato presentato questa mattina in occasione dell'apertura del Meeting annuale di Confesercenti a San Martino in Campo.

In particolare il Pil 2008 è visto a +0,1% (dalla previsione di +0,4% del rapporto del 24 luglio scorso), nel 2009 a 0,8% (confermato). I prezzi al consumo sono visti al 3,6% quest'anno (confermato), al 2,6% nel 2009 (in lieve discesa dal precedente 2,8%). Il deficit/Pil nel 2008 è visto al 2,3% (dal 2,1%), nel 2009 al 2% (da 1,7%).

Per quel che riguarda i consumi sono visti a -0,4 nel 2008 e più 0,5% nel 2009. In particolare: i beni durevoli a -3,1% e -0,9%, i beni semidurevoli a -0,4% e +0,5%, i non durevoli a -1,0% e 0,0, i servizi a +0,6% e +1,1%.

Per il Ref "il 2009 risulta in sostanza un anno di blanda ripresa, con alcuni segnali di recupero, ma ancora insufficienti a far sì che si materializzino le condizioni per un vero rafforzamento del ciclo".

In particolare, in Italia "nei mesi a venire l'economia sarà ancora molto debole" con "un moderato recupero nel corso del 2009, guidato dal rientro delle tensioni sui mercati primari, da una domanda internazionale in lieve ripresa, e da un cambio del dollaro in apprezzamento rispetto all'euro".   Continua...