Monetario, derivati poco variati attendono sviluppi Lehman

venerdì 12 settembre 2008 12:08
 

MILANO, 12 settembre (Reuters) - Il mercato dei derivati sui tassi mostra quotazioni poco variate da ieri, con contenuti segni negativi, mentre i tesorieri non vedono spunti sul mercato e sono solo in attesa degli sviluppi della vicenda Lehman Brothers LEH.N. Secondo alcune indiscrezioni la banca d'investimento sarebbe stata messa in vendita e tra i possibili acquirenti figurano Bank of America (BAC.N: Quotazione) o Barclays (BARC.L: Quotazione).

"La gente non guarda altro che alla vicenda di Lehman, i dati macro passano in secondo piano" dice un tesoriere.

Oggi il dato sulla produzione industriale della zona euro di luglio ha mostrato un calo dello 0,3% su mese per un tendenziale in calo dell'1,7%, sotto le attese di rispettivi -0,3% e -0,7%.

Le aspettative del mercato continuano a prezzare tassi stabile nella zona euro fino a metà 2009.

A metà seduta il contratto a dicembre FEIZ8 cede 0,020 a 94,895, marzo FEIH9 cede 0,02 a 95,195 mentre giugno FEIM9 arretra di 0,035 a 95,43.

Il tasso euribor a tre mesi è stato fissato stamane a 4,958, come ieri. Il contratto a sei mesi che sconta lo scavalco della fine anno, registra l'ennesimo massimo storico, con un fix stamane a 5,185% in rialzo da ieri 5,179%.

L'Eonia swap a tre mesi è stata fissato oggi a 4,323%, cosicchè lo spread con la corrispondente scadenza dell'euribor risulta di 63,5 pb, poco variato negli ultimi 3-4 mesi.

Tale spread, che indica quanto le banche chiedono in termini di rischio alle loro controparti bancarie in occasione dei prestiti di fondi, aveva visto un allargamento fino ai 90 punti base in occasione dello scavalco d'anno e da circa un mese ha iniziato a stringersi. Prima dell'inizio della crisi finanziaria un anno fa circa, lo spread era tra i 5 e i 7 punti base.

  Continua...