Ue, nuovi stimoli solo se recessione più lunga -Barroso a Sole

giovedì 12 marzo 2009 08:44
 

BRUXELLES, 12 marzo (Reuters) - Sabato prossimo al G20 di Londra gli Stati Uniti chiederanno uno sforzo in più per il rilancio coordinato dell'economia mondiale, ma l'Unione europea penserà a nuovi programmi di stimolo solo se la recessione dovesse protrarsi oltre le attese.

Lo spiega il presidente della Commissione, Josè Barroso, in un'intervista a Il Sole 24 Ore, sottolineando, però, che tra Ue e Usa non c'è competizione, ma convergenza.

"Dobbiamo concentrarci sull'attuazione delle ambiziose misure di stimolo che abbiamo deciso... se la recessione sarà più lunga, dovremo fare di più. Ma per ora meglio attenerci al piano che, se attuato davvero, darà risultati positivi" dice Barroso.

Secondo Barroso: "Non siamo in competizione con gli americani. Anzi. L'amministrazione Obama si sta avvicinando alle nostre idee, investe di più nell'economia sociale di mercato, nelle infrastrutture, nel clima e nelle regole".

Il presidente dell'esecutivo Ue rivendica la leadership dell'Europa sulla crisi e si dice fiducioso su una proficua collaborazione con l'America a partire dal meeting dei ministri delle Finanze del G20 venerdì e sabato prossimi.