Monetario in vista chiusura rob, attesa domani fine tuning

lunedì 11 maggio 2009 12:20
 

MILANO, 11 maggio (Reuters) - Il mercato interbancario è alla prese con la chiusura del periodo di mantenimento della riserva domani e con un eccesso di numeri neri sui conti che le tesorerie si aspettano vengano drenati domani dalla Bce con un'operazione fine tuning a un giorno.

I sintomi dell'eccedenza di fondi si notano sul netto calo del tasso overnight, oltre che all'aumento dei depositi presso la Bce.

"Ci troviamo nel solito eccesso di numeri da fine periodo che crea sia riduzione dei tassi a brevissimo sia accumolo di depositi" dice un tesoriere.

Al momento l'eccesso di numeri è stimato tra i 100 e i 150 mln euro euro e quindi dovrebbe essere questo l'ammontare che le banche dovrebbero cedere alla Bce con l'operazione fine tuning. Tuttavia ultimamente le banche non partecipano per l'ammontare effettivamente in eccesso, per cui domani sera il residuo di fondi dovrà essere messo sui depositi overnight.

Il tasso overnight sul mercato si avvicina sempre più al tasso dello 0,25% dei depositi. Sul Mid quota a fine mattinata attorno a 0,27% e anche allo 0,25% sugli screen dei broker internazionali. L'Eonia è stato fissato venerdì a 0,512% da 0,519% di giovedì.

Parallelamente i depositi o/n sono aumentati venerdì a 75,3 mld dai 64 mld di giovedì.

Continua la discesa del tasso euribor, con la scadenza a tre mesi che ha fissato oggi a 1,299% da 1,313% venerdì.

Lo spread tra questo tasso e quello dell'Eonia swap di pari scadenza (oggi a 0,689%) è a 61 pb.

Poco dopo le 12 il futures euribr trova un aggiustamenteo dopo il rialzo di venerdì con le scadenza fino a fine 2009 in calo, mentre quelle succesive mostrano ancora rialzo. La scadenza a giugno FEIM9 è a 98,825 (-0,015), quella a settembre FEIU9 a 98,865 (-0,015) e quella a dicembre FEIZ9 a 98,720 (-0,005).

La riduzione del tasso pincipale all'1% e quello dei prestiti marginali alL'1,75% sarà effettivo dal 13 maggio, primo giorno del nuovo periodo.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.