December 11, 2008 / 11:07 AM / 9 years ago

Monetario sottile, curva derivati tassi si alza da minimi

4 IN. DI LETTURA

MILANO, 11 dicembre (Reuters) - La curva dei derivati sui tassi si alza dai minimi, prezzando un ciclo espansivo più prudente nella zona euro mentre gli scambi sul mercato monetario stentano a decollare, con tassi overnight fra il riferimento e il rendimento delle deposit facilities, ieri poco superiori ai 100 miliardi.

"I depositi sono in linea con la tendenza ad accumulare un po' di numeri neri all'inizio del periodo di riserva", spiega un tesoriere. "Poi riprenderanno a salire".

Ieri, quando il corridoio fra le due standing facility della Banca Centrale Europea è diminuito al 2-3% dopo la riduzione record del tasso ufficiale al 2,5%, i depositi sono risultati pari a 101,164 miliardi.

Anche oggi sul mercato Mid dei grandi tagli l'overnight quota solo in denaro al 2,4%, mentre su quello dei tagli più piccoli si attesta appena sopra il riferimento a 2,55/60%. Più larghi gli spread su mercato OTC dove l'o/n resta indicato, come ieri, a 2,10/35% mentre il tesoriere lo vede a 2,15/30%.

Ieri l'Eonia è stato fissato in calo al 2,3471% rispetto al 2,941% del giorno precedente, momento del drenaggio.

"L'Eonia era nel range tipico del periodo", commenta il tesoriere. "Probabilmente continuerà a scendere almeno per i primi giorni del mese rob, vediamo poi come si comporterà sullo scavallo di Natale e di fine anno", aggiunge.

STABILE SPREAD EURIBOR/EONIA SWAP, BOTTOM CURVA TASSI A 1,75%

Pressoché stabile a circa 132 punti base lo spread tra il tasso Euribor a tre mesi (oggi al 3,329%), cioè fra quello a cui effettivamente vengono pagati i fondi dati in prestito alle controparti bancarie e la stessa scadenza sul derivato Eonia (oggi al 2,007%), più aderente al livello del tasso ufficiale.

"Lo spread dovrebbe restringersi in maniera costante con un gradino a fine anno", stima un operatore sui derivati.

Dopo che il membro del board Bce Juergen Stark ha sollevato dubbi sulla prospettiva di un grosso taglio dei tassi alla prossima riunione di gennaio, oggi i derivati prezzano una fine del ciclo espansivo all'1,75%, livello che era 1,5% solo una settimana fa quando la Bce ha abbassato di 75 punti base.

"Adesso la parte più bassa della curva Eonia è l'1,75% ma bisogna scontare l'effetto liquidità", avverte l'operatore. "Comunque ci siamo alzati dai minimi che c'erano prima della riunione della Bce; sotto certi livelli fatica ad andare: ha bisogno di conferme da parte dei banchieri centrali", aggiunge l'operatore ricordando che sul brevissimo incide anche il discorso degli aggiustamenti di fine anno per i quali la Bce lascerà in circolazione molta liquidità.

Tenuto conto dell'effetto alterante della liquidità, l'operatore si sbilancia nella stima di un taglio di 25 punti base a gennaio.

Sulla strip Euribor, intorno alle 11,40, il derivato a dicembre avanza di 0,015 a 96,740, quello a marzo dello 0,010 a 97,305 e il futures a giugno di 0,040 a 97,510.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below