Btp misti, pressione su 10 anni su fattori tecnici, spread 72 pb

martedì 11 agosto 2009 17:29
 

 MILANO, 11 agosto (Reuters) - Dopo la significativa
riduzione di stamattina a 63 punti base, minimo dal 4 settembre
2008, il differenziale fra i rendimenti dei titoli di
riferimento italiano e tedesco è tornato ad allargarsi fino a 72
punti base, su movimenti che i trader concordano nell'attribuire
a fattori tecnici. 
 "I flussi sono tipicamente estivi, quindi scarsi. Basta un
flusso di vendita per muovere in maniera significativa
l'andamento di un titolo. Probabilmente, dopo la riduzione di
stamattina, il Bund è diventato più appetibile in termini di
rendimento e qualcuno ha deciso di lasciare Italia per
acquistare Germania" dice un trader. 
 "Ma restano fattori di natura prettamente tecnica e non sono
indicativi di un trend" aggiunge.
 Il livello toccato stamane dallo spread rappresenta il
minimo da prima del fallimento di Lehman Brothers, dichiarato il
15 settembre 2008, che ha segnato l'aggravamento della crisi
finanziaria. 
 Il trend di restringimento che interessa i titoli di Stato
dei paesi cosiddetti periferici viene spiegato dai dealer con un
rinnovato appetito di rischio generato da meno fosche
prospettive economiche.
 In questa reazione positiva alla rinnovata fiducia, emerge
una specificità italiana, rispetto agli altri mercati
'non-core'.
 Per un'analisi in proposito cliccare su [ID:nLB42657].
 "Recenti dati macro, risultati per la maggior parte migliori
delle attese, hanno portato sul mercato un certo ottimismo, che
tradizionalmente sposta gli investitori su asset a maggior
rischio ma a più alto rendimento. Così i periferici beneficiano
del movimento" dice un trader.
 Sul breve termine nell'asta di oggi sul Bot 12 mesi, il
rendimento è risultato in lieve rialzo rispetto al precedente
collocamento, attestandosi a 0,951% dal precedente 0,859%,
livello che costitusce il minimo storico sulla scadenza.
 L'asta, secondo i trader, ha risentito dell'illiquidità del
mercato nella settimana di Ferragosto e del livello dei tassi
che riduce l'interesse degli investitori su questo strumento. 
 In generale tuttavia, i trader hanno definito l'asta
'discreta', specie alla luce del fatto che l'ammontare offerto
superava di 500 milioni quello in scadenza. Il Tesoro ha infatti
collocato 6,5 miliardi contro i 6 in scadenza. Il titolo è stato
assegnato a 99,040 con un bid-to-cover pari a 1,559 da 1,584
dell'asta di metà luglio.
 Domani la Germania riaprirà il Bund decennale cedola 3,5%
per 6 miliardi di euro, mentre giovedì il Tesoro italiano
offrirà il Btp 5 anni giugno 2014 per un ammontare compreso fra
2,5 e 3,5 miliardi di euro.
 
 ============================= 17,30 ==========================
                                PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND SETT.   FGBLc1      120,54  (+0,19)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=TT    103,05  (+0,02)      1,552%
 BTP 10 ANNI (SET 19) IT10YT=TT   100,98  (-0,25)      4,171%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT   100,75  (+0,12)      5,013%
======================== SPREAD (PB) =========================
                                       CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     27                   37
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3      7                    6
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     72                   66
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     96                   94
 BTP 2/10 ANNI                      261,9                257
 BTP 10/30 ANNI                      84,2                 88 
 ==============================================================