11 novembre 2009 / 18:47 / 8 anni fa

PUNTO 1-Safilo,rosso trim3 balza a 50 mln,nuove adesioni bond 1%

(aggiunge dettagli da nota e da conference call)

MILANO, 11 novembre (Reuters) - Safilo (SFLG.MI) ha realizzato nel terzo trimestre una perdita netta consolidata di 50,1 milioni, in aumento dal rosso di 6,7 milioni di un anno prima.

La perdita della gestione ordinaria, cioè al lordo dell'accantonamento per oneri non ricorrenti e della svalutazione degli asset, nei tre mesi è di 22,1 milioni.

Nei nove mesi il rosso è di 186,2 milioni (30 milioni della gestione ordinaria) dall'utile di 14,5 milioni di un anno prima. L'Ebitda dei tre mesi è positivo per 3,5 milioni, come già comunicato nei giorni scorsi, in calo del 79%. Nei nove mesi il Mol si è contratto del 53,3% a 47,5 milioni, il risultato della gestione ordinaria è di 55 milioni.

I ricavi nel trimestre sono pari a 212,6 milioni (-7%), nei nove mesi la flessione è del 10,5% a 774,7 milioni.

Sul risultato dei nove mesi hanno influito in maniera negativa voci straordinarie non monetarie per 156,1 milioni tra attività di ristrutturazione della produzione, svalutazioni dell'avviamento e nel business retail.

BASSE ADESIONI AL BOND FINORA

L'offerta sul bond da parte di HAL Holding, che si chiude il 18 novembre, ha raccolto adesioni nel cosiddetto periodo 'early bird' pari "soltanto" all'1,03% dei detentori dell'emissione, che si aggiunge al 38% circa già vincolato in un accordo tra bondholder e il socio olandese azionista.

L'offerta ha successo con adesioni pari al 60%. Il prezzo offerto è pari al 60% del valore nominale del bond da 195 milioni scadenza 2013.

In conference call l'AD Roberto Vedovotto ha dichiarato che le condizioni (prezzo, quota adesione e periodo) non verranno modificate.

La società nella nota, e l'AD, sottolineano che "HAL al momento non detiene alcuna obbligazione Safilo, di conseguenza non si può trascurare la possibilità che l'offerta non vada a buon fine".

In tal caso, si ricorda, l'intero piano di ricapitalizzazione, che attraverso diverse fasi dovrebbe portare HAL a essere nuovo socio di riferimento, "potrebbe non aver luogo e la società si troverebbe di nuovo a fronteggiare una situazione di indebitamento particolarmente critica che determinerebbe l'incapacità della società di rispettare al 31 dicembre, con ogni probabilità, gli impegni con le banche".

Parlando con gli analisti, il manager ha ripetuto più volte e con decisione che "senza successo dell'offerta sul bond non ci sarà il deal" con HAL.

Il debito a fine settembre ammonta a 586,3 milioni da 592,1 milioni di fine giugno. Il cda ha anche indicato nuove date di convocazione dell'assemblea sull'aumento per il 14, 15 e 16 dicembre. Non più quindi il 23, 24 e 30 novembre prossimi. La decisione è stata presa perchè la società prevede di ricevere il nullaosta dell'antitrust europeo solo nei giorni immediatamente precedenti queste nuove date.

OTTOBRE MOLTO DEBOLE

Come già annunciato nei giorni scorsi, il mese di ottobre "è stato molto debole, soprattutto in Asia, con una flessione delle vendite a singola cifra", ha detto Vedovotto. Inoltre, sia in ottobre che in novembre il cliente mostra un "approccio molto prudente" in termini di raccolta ordini. I prodotti di fascia alta "stanno ancora soffrendo un grande impatto dall'andamento calante dei consumi".

Riguardo alla evoluzione prevedibile della gestione, la società, alla luce della volatilità dell'attuale domanda di mercato, preferisce "fornire indicazioni solo su base trimestrale".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato in forma integrale cliccando su [ID:nBIA1132d].

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below