PUNTO 1- Aiuti Stato vanno legati a tutela occupazione -Tremonti

martedì 10 febbraio 2009 15:55
 

(riscrive, unisce take precedenti, aggiunge dichiarazioni ministro e contesto)

BRUXELLES, 10 febbraio (Reuters) - E' "razionale e morale" collegare la concessione di aiuti di Stato a protocolli a difesa dell'occupazione. Lo dice il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, secondo cui il legame non è negativo a patto avvenga "in maniera intelligente".

Così il ministro italiano si inserisce nella diatriba tutta europea sui finanziamenti pubblici, specialmente quelli a favore dell'industria, che come noto viaggiano sul confine della legalità a guardare la normativa comunitaria su concorrenza e mercato interno.

"Quella di collegare gli aiuti a protocolli sull'occupazione è un ipotesi molto ragionevole, opportuna e compatibile con gli orientamenti europei" spiega alla stampa al termine del consiglio mensile Ecofin.

Il fuoco alle polveri è stato dato dalla decisione francese di venire a sostegno di due giganti dell'auto del calibro di Renault e Peugeut-Citroen, cui verranno messi a disposizione oltre 6 miliardi di fondi pubblici a tasso agevolato a condizione di mantenere gli stabilimenti in territorio nazionale.

Precisando di non essere mai stato 'protezionista' se non nel caso della tutela dagli "eccessi della burocrazia", il ministro spiega che "non c'è paese che facendo aiuti di Stato non ponga la questione nazionale" e su un tema come quello dei fondi pubblici non ha senso agire da "mercatisti".

In una fase d'emergenza come quella attuale, in cui sia in settori strategici come quello bancario sia in quello industriale si stanno moltiplicando le richieste di eccezione alle norme sugli aiuti di Stato, tiene a sottolineare il ministro, "l'Italia non ha mai chiesto deroghe al divieto comunitario sugli aiuti di Stato".

Il consiglio dei Ministri italiano di venerdì scorso ha approvato un decreto legge contenente misure di stimolo all'economia del valore di 2 miliardi composto per 1,2 miliardi di incentivi alla rottamazione e all'acquisto di auto.   Continua...