Tesoro, emissioni 2009 "un po più" di 220 mld previsti - Cannata

venerdì 10 luglio 2009 13:08
 

di Gabriella Bruschi

MILANO, 10 luglio (Reuters) - Il peggioramento dei conti pubblici italiani, testimoniato dal raddoppio del fabbisogno statale, costringerà il Tesoro ad aumentare l'ammontare di emissioni di titoli di Stato programmate per il 2009 rispetto ai 220 miliardi previsti.

Lo ha detto in un'intervista a Reuters Maria Cannata, responsabile della gestione del debito pubblico del Ministero dell'Economia.

Archiviato con soddisfazione, in occasione del collocamento sindacato del Btp 2025, il forte interesse da parte degli investitori esteri, il Tesoro è pronto per dopo l'estate a lanciarne altri due, sulla scadenza a 30 anni, linker e nominale dopo l'estate. Il Tesoro, poi, continua a monitorare il mercato per emissioni in franchi svizzeri e dollari.

"Visto che il fabbisogno sta crescendo è probabile che si dovrà emettere [titoli a medio-lungo] per un po' più di quei 220 mld che si erano programmati per il 2009" ha detto Cannata nell'intervista a Reuters, precisando che con il collocamento del Btp 2025 da 5,5 miliardi di questa settimana, sul medio-lungo termine "si è già emesso circa il 63% dell'intero ammontare del 2009".

Il fabbisogno statale nel primo semestre di quest'anno è risultato più che raddoppiato rispetto a quello dello stesso periodo dello scorso anno, salendo a 49,6 miliardi da 23,9.