Gabetti, impegno banche a non revocare crediti fino a 31 gennaio

martedì 9 dicembre 2008 19:30
 

MILANO, 9 dicembre (Reuters) - Gabetti (GABI.MI: Quotazione) ha definito un accordo con le principale banche finanziatrici ottenendo l'impegno a non revocare le linee di credito in essere e a non richiedere il pagamento dei rispettivi crediti fino al 31 gennaio 2009.

L'accordo prevede inoltre il riscadenziamento al 31 gennaio 2009 dei crediti scaduti o in scadenza prima di quella data, dice una nota.

Nel dettaglio verrà formulata alle banche una proposta di stipula di una convenzione per il periodo successivo al 31 gennaio per definire una migliore razionalizzazione dell'indebitamento finanziario del gruppo.

Alcuni azionisti di Gabetti, inoltre, che rappresentano oltre il 76% del capitale, e la società stessa hanno sottoscritto contratti di finanziamento per effetto dei quali i soci si sono impegnati a versare a favore della società un importo massimo pari all'ammontare di competenza del prestito obbligazionario convertibile da nominali 25,1 milioni di euro deliberato dall'assemblea Gabetti del 7 novembre.

I soci interessati da questa operazione sono Generali (GASI.MI: Quotazione), le famiglie Gabetti, Giordano e Marcegaglia, Gian Luigi Croce e UBH.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale della società cliccando [ID:nBIA09912]