Manovra, impegno governo per pareggio in 2011 - Vegas su S&P

martedì 29 luglio 2008 13:15
 

ROMA, 29 luglio (Reuters) - Il governo è impegnato a raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2011 e le misure contenute nella manovra triennale servono proprio a questo.

Così il sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas commenta con Reuters l'ultimo rapporto dell'agenzia Standard and Poor's per la quale il deficit resterà intorno al 3% del Pil almeno fino al 2011.

"Mi sembra improbabile" che il deficit resti vicino a 3% almeno fino al 2011, ha detto Vegas.

"Le misure della manovra che sono in discussione al Senato e che saranno approvate tra pochi giorni servono proprio a questo, a scongiurare il rischio di ricadute sui conti pubblici", ha continuato.

Secondo S&P il governo non propone riforme strutturali sulla spesa. "Questo no, questo non è vero", risponde Vegas.

"Tutto l'impegno del governo è per raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2011, la manovra serve proprio a questo", ha aggiunto il sottosegretario, che considera gli interventi sulla spesa contenuti in manovra strutturali.

"Lo stesso Patto di stabilità interno è una riforma strutturale, è l'implementazione di una riforma strutturale", ha aggiunto.

Secondo il quadro macroeconomico del Dpef, il deficit sarà pari allo 0,1% del Pil nel 2011 mentre il debito scenderà nello stesso anno sotto il 100%.