Mutui, decreto governo tetto 4% a rischio ricorsi-Tecnici Camera

martedì 9 dicembre 2008 19:15
 

ROMA, 9 dicembre (Reuters) - La parte del decreto anticrisi del governo che pone un tetto lordo del 4% ai mutui a tasso variabile potrebbe incorrere nel rischio di ricorso da parte di coloro che hanno contratto mutui a tasso fisso superiore al 4%.

Lo sostengono i tecnici del Servizio Bilancio della Camera nella loro relazione sul decreto del governo.

Secondo la relazione "poiché la norma in materia di mutui a tasso variabile in essere non è modulata sulla base di caratteristiche reddituali dei mutuatari né è finalizzata alla sanatoria di particolari situazioni di insolvenza, anzi, come la stessa relazione tecnica evidenzia, si colloca nell'ambito di uno scenario previsionale di discesa del tasso Euribor, andrebbe evidenziato se siano state oggetto di valutazione la possibilità e le relative conseguenze di un eventuale contenzioso che dovesse essere instaurato da parte di soggetti mutuatari con contratti di mutuo in essere a tasso fisso, che scontino attualmente un tasso superiore al 4%. Questo in considerazione della possibilità che tali soggetti abbiano aderito a dette modalità di finanziamento proprio sulla base di motivazioni di carattere reddituale".