Monetario verso chiusura rob vede fine tuning drenaggio domani

lunedì 9 febbraio 2009 11:22
 

MILANO, 9 febbraio (Reuters) - Il mercato interbancario si sta preparando alla chiusura del periodo di mantenimento della riserva domani, con l'ormai consueta situazione di abbondanza di fondi che i tesorieri si aspettano verrà drenata dalla Bce domani con un'operazione fine tuning a un giorno.

Stime dei tesorieri in mattinata dicono che domani la Bce potrebbe drenare un quantitativo attorno agli 80/90 miliardi di euro. L'asta fine tuning, se seguirà la metodologia delle ultime operazioni, avrà un tasso massimo al 2% (pari al tasso di riferimento), con lo scarto delle offerte non competitive.

I fondi che non verranno drenati dalla Bce saranno messi a deposito dalle banche a fine seduta, con la remunerazione dell'1%.

Questi ultimi sono leggermente scesi venerdì, a 180,7 mld dai 184,3 mld del giorno precedente.

Gli scambi sull'overnight indicano sull'e-Mid, quotazioni attonro all'1,05%, mentre sugli screen dei broker internazionali viene pagato anche sotto l'1%, dice un tesoriere.

Venerdì il tasso Eonia EONIA è stato fissato a 1,191% da 1,186% del giorno precedente, con scambi per 32.231 mld.

Al Mic, il nuovo mercato interbancario collaterizzato, nella sua prima settimana di attività ha visto scambi per 252 milioni, secondo una nota diffusa staamne da Bankitalia.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine ECB40 e BITS.

Tra i derivati sulla curva Euribor il contratto a marzo FEIH9 sale di 0,015 a 98,300%, giugno FEIM9 è in calo di 0,010 a 98,39% e settembre FEIU9 di 0,020 a 98,345.