Banche, Usa più attrezzate per crisi, trim1 in crescita - R&S

martedì 9 giugno 2009 16:07
 

MILANO, 9 giugno (Reuters) - Le banche Usa sono ora meglio attrezzate rispetto alle concorrenti europee per affrontare un eventuale peggioramento dell'economia reale.

E' questa la fotografia scattata sulle banche internazionali da R&S che mette in rilievo inoltre come le banche italiane abbiano nel 2008 performato meglio delle concorrenti europee e un primo trimestre per tutte in ripresa.

Il rapporto prende in considerazione 66 banche commerciali di Europa, Giappone e Usa nel decennio dal 1998 al 2007 e le principali banche cinesi dal 2004 al 2007. Per le banche europee e americane l'analisi si estende per alcuni temi anche al 2008 e al primo trimestre 2009.

BANCHE USA MEGLIO ATTREZZATE PER CRISI, TRIM1 RASSICURANTE

Le banche Usa hanno adottato negli anni una politica di regolare svalutazione dei crediti che ha portato a fine 2008 una quota di crediti dubbi in bilancio pari ad appena lo 0,95% del patrimonio netto. Questo dato applicato alle banche europee è pari invece al 15,9%.

Anche il grado di copertura dei crediti dubbi attraverso fondi rettificativi è molto diverso. Negli Usa è superiore al 100% e si attesta nel 2008 al 106,8%, mentre in Europa è al 57%.

I numeri non lasciano dunque adito a dubbi: nella misura in cui sarà più severa la caduta dell'economia reale la più prudente politica americana di trattamento dei crediti può costituire un vantaggio.

I primi tre mesi del 2009 descrivono tuttavia un quadro in miglioramento. Le principali banche americane hanno chiuso il periodo con utili netti per 12 miliardi di dollari (da -20,7 miliardi del quarto trimestre 2008), mentre in Europa si è passati da una perdita di 11,8 miliardi di euro a un utile di 6,1 miliardi.   Continua...