Banche venete, salgono bond senior su ipotesi nuovi capitali privati

giovedì 8 giugno 2017 13:43
 

MILANO, 8 giugno (Reuters) - In netta risalita nella seduta odierna i bond senior di Popolare Vicenza e Veneto Banca, sull'ipotesi che i principali istituti italiani possano entrare nella partita, permettendo lo sblocco dell'intervento pubblico delle due banche in crisi.

Attorno alle ore 13,30, il senior di Popolare Vicenza marzo 2020 cedola 2,5% avanza di oltre quattro punti a 76,0, per un rendimento in area 13,7%; in rialzo di circa 5 punti e mezzo l'ottobre 2018 cedola 5% della banca vicentina , a quota 84,30, per un rendimento al 19%.

"Ora il mercato vede finalmente una soluzione e questo spiega gli acquisti" conferma un trader obbligazionario che fornisce una quotazione in rialzo di 3,5 punti per il senior maggio 2019 cedola 4% di Veneto Banca, a 79,5 con rendimento al 17,3%.

Secondo fonti le banche italiane stanno iniziando a valutare se sia fattibile coprire pro quota il fabbisogno di capitale privato aggiuntivo di 1,2 miliardi richiesto dall'Ue per Veneto Banca e Popolare di Vicenza per dare il via libera alla ricapitalizzazione pubblica.

SUBORDINATI

Vendite invece sui subordinati delle due banche: il settembre 2025 cedola 9,5% della Vicenza cede un punto e mezzo al prezzo ormai ridotto ad appena 9,32 centesimi; l'analogo bond dicembre 2025 di Veneto Banca arretra a sua volta di 3 punti e mezzo al prezzo di 8,0.

"È l'effetto Banco Pouplar, che ci dice che per il debito junior ci sono pochissime speranze" conclude il trader.

  Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Banche venete, salgono bond senior su ipotesi nuovi capitali privati | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,833.88
    -0.46%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,060.63
    -0.45%
  • Euronext 100
    1,013.91
    -0.33%