PUNTO 1-Camera vota Web Tax, sale pressing su multinazionali dopo G7

lunedì 22 maggio 2017 18:29
 

* Sanzioni dimezzate se ci si accorda con il fisco

* Boccia (Pd): almeno un miliardo di gettito per lo Stato

* In autunno arriverà la Web tax strutturale (Aggiorna con voto commissione Bilancio e contesto)

ROMA, 22 maggio (Reuters) - La Camera ha dato un primo via libera alla 'Web tax' volontaria, con la quale governo e maggioranza vogliono incentivare un accordo preventivo tra multinazionali del Web e Agenzia delle entrate.

L'elusione fiscale di imprese come Amazon, Apple e Google è da tempo all'attenzione del governo italiano, che ha posto il dossier nell'agenda del G7 finanziario di Bari. Il summit si è chiuso sabato 13 maggio con un mandato all'Ocse perché definisca 'policy options' entro marzo 2018.

Tuttavia, in attesa di verificare gli sviluppi a livello internazionale, il Parlamento ha deciso di imboccare la strada della soluzione nazionale.

Così, tramite un emendamento alla manovra, la commissione Bilancio ha introdotto una procedura di cooperazione rafforzata rivolta a tutte le imprese che rispettano due requisiti: appartengono a multinazionali con ricavi consolidati superiori a 50 miliardi di euro e vendono beni e servizi in Italia per oltre 50 milioni.

Secondo Francesco Boccia (Pd), presidente della commissione e promotore dell'iniziativa, la web tax potrebbe assicurare allo Stato "un miliardo di euro" già nel 2017, mentre il governo evita di fornire stime.

I colossi del Web fanno profitti in tutto il mondo ma versano le tasse solo dove hanno una "stabile organizzazione d'impresa", tipicamente in Paesi con basse aliquote fiscali.   Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
PUNTO 1-Camera vota Web Tax, sale pressing su multinazionali dopo G7 | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,001.95
    +0.81%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,233.20
    +0.75%
  • Euronext 100
    1,019.38
    +0.00%