Btp Italia, tra istituzionali circa 74% italiani, 66% banche

venerdì 19 maggio 2017 19:23
 

MILANO, 19 maggio (Reuters) - Tra gli investitori istituzionali che hanno partecipato al collocamento del nuovo Btp Italia maggio 2023 circa il 74% sono italiani, mentre il resto dell'emissione è stato sottoscritto da investitori residenti in Regno Unito e Irlanda (circa il 15%), in Svizzera (5%) e in altri paesi europei (6%).

E' quanto fa sapere il ministero dell'Economia in una nota sul collocamento dell'undicesima edizione del titolo indicizzato all'inflazione nazionale, con cedola reale 0,45%, assegnato nei giorni scorsi per un totale di 8,59 miliardi di euro.

Nella prima fase (quella dedicata al retail, svoltasi tra lunedì 15 e mercoledì 17 con richieste complessive per 3,19 miliardi) si stima una quota di investitori individuali superiore a quella del private banking (rispettivamente 58% e 42%), si legge nel comunicato del Tesoro.

Nel corso della seconda fase (assegnati agli investitori istituzionali titoli per 5,40 miliardi a fronte di richieste circa 7,041 miliardi) si stima che circa il 66% del controvalore sia stato collocato presso le banche, mentre gli asset manager hanno acquistato circa il 27%. La restante quota del quantitativo emesso è stato allocato a banche centrali e istituzioni sovranazionali (3%), assicurazioni (2%) e altre istituzioni, finanziarie e non (2%).

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Btp Italia, tra istituzionali circa 74% italiani, 66% banche | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,240.52
    -0.60%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,490.28
    -0.53%
  • Euronext 100
    1,028.77
    +0.10%