Ue, nuove norme per facilitare aiuti Stato a piccoli aeroporti e porti

mercoledì 17 maggio 2017 12:17
 

BRUXELLES, 17 maggio (Reuters) - Migliaia di piccoli aeroporti e porti in Europa si apprestano a beneficiare di una semplificazione delle regole sugli aiuti di Stato.

Le nuove norme fanno parte della riforma più ampia, varata dalla Commissione europea, che consente ai governi Ue di aiutare lo sviluppo di piccole infrastrutture e progetti minori. Le misure potrebbero toccare oltre quattrocento aeroporti minori.

"I cambiamenti consentiranno di risparmiare tempo", ha commentato Margrethe Vestager, commissario alla concorrenza.

In base alle nuove regole, i governi possono coprire i costi operativi degli aeroporti che gestiscono fino a 200.000 passeggeri l'anno. Inoltre, è consentito ai soggetti pubblici di investire fino a 150 milioni di euro nei porti marittimi e fino a 50 milioni nei porti lacustri o fluviali, senza dover chiedere il via libera a Bruxelles.

Gli aiuti di Stato ai progetti nuovi saranno possibili per un periodo di cinque anni.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana, con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon le parole "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Ue, nuove norme per facilitare aiuti Stato a piccoli aeroporti e porti | Mercati | Bond | Reuters.com