Renzi ribadisce no a inserimento Fiscal compact in Trattati Ue

venerdì 28 aprile 2017 12:35
 

BRUXELLES, 28 aprile (Reuters) - Matteo Renzi, ex premier e candidato alla leadership del Pd, ribadisce la sua contrarietà all'inserimento del Fiscal compact nei Trattati europei e rivendica la necessità di interpretare le regole di bilancio in chiave più favorevole alla crescita.

"C'è chi è favorevole all'inserimento nei Trattati e chi pone un freno. Noi siamo in questa seconda categoria", ha detto Renzi chiudendo a Bruxelles la campagna per le primarie del Partito democratico.

"L'Europa non è il luogo da cui prendere ordini. È la casa dei nostri figli. Per questo diciamo Europa sì ma non così".

Il Fiscal compact obbliga gli Stati membri a convergere verso il pareggio di bilancio e a ridurre di un ventesimo in media annua la quota di debito superiore al 60% del Pil.

Renzi si è opposto ad alcune ipotesi di politica fiscale suggerite dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, bocciando in particolare la possibilità di ridurre il cuneo fiscale aumentando l'Iva.

"Non c'è alcuna distinzione con Padoan. Credo che la collaborazione tra Pier Carlo e il sottoscritto, come pure con Gentiloni, abbia funzionato molto bene. Si è sempre lavorato insieme", ha detto oggi l'ex premier minimizzando le differenze di vedute.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Renzi ribadisce no a inserimento Fiscal compact in Trattati Ue | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,210.57
    -0.38%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,469.55
    -0.38%
  • Euronext 100
    1,028.06
    -0.01%