Italia, crescita non accelera, prosegue a mezza velocità su zona euro - Fmi

martedì 18 aprile 2017 15:08
 

MILANO, 18 aprile (Reuters) - Dopo lo 0,9% con cui si è chiuso il 2016 l'economia italiana dovrebbe mostrare una lievissima frenata in luogo della modesta ripresa su cui scommette il governo, con un nuovo biennio inferiore a 1% ma soprattutto a velocità dimezzata rispetto alla media della zona euro.

Queste le ultime stime del Fondo monetario internazionale contenute nel rapporto semetrale 'World economic outlook', dove la previsione sul prodotto interno lordo nazionale si ferma a 0,8% sia per quest'anno sia per il prossimo.

Sono valori da confrontare da un lato con le precedenti attese Fmi, risalenti all'aggiornamento di gennaio, pari a 0,7% per il 2017 e 0,8% per il 2018, ma soprattutto con il Def della settimana scorsa, in cui stanno scritti rispettivamente 1,1% e 1,0%.

Se il quadro degli economisti di Washington è basato sull'aggiornamento del Def di settembre 2016 e sulla finanziaria 2017, come specifica una nota, resta pur sempre simbolico il distacco rispetto alla media della zona euro vista a 1,7% per quest'anno, come registrato nel 2016, e 1,6% il prossimo.

"Nel biennio 2017/2018 la ripresa economica della zona euro dovrebbe procedere a livello simile al 2016" si legge nel primo capitolo del rapporto, dal titolo 'Gaining Momentum?'.

Se da un lato beneficia di un orientamento fiscale moderatamente espansivo, costi di finanziamento per le banche estremamente contenuti, una svalutazione del cambio e possibili contagi positivi dalla cosiddetta 'Trumponomics' -- scrive il Fondo -- il quadro congiunturale della zona euro è dominato da incertezza in vista dei prossimi importanti appuntamenti elettorali e delle evoluzioni del rapporto con Londra dopo l'addio alla Ue.

Nell'ambito delle economie avanzate -- insieme a Francia, Portogallo, Spagna e Grecia -- l'Italia è annoverata tra i Paesi con il maggiore 'output gap', vale a dire la differenza tra la crescita reale e quella potenziale.

"Le prospettive di medio termine per l'intera zona euro restano offuscate, dal momento che la crescita potenziale è ostacolata da una debole produttività, condizioni demografiche sfavorevoli e, nel caso di alcuni Paesi, lasciti della crisi finanziaria sul debito sia pubblico sia privato, con un elevato livello di crediti deteriorati" scrive ancora il Fondo.

  Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Italia, crescita non accelera, prosegue a mezza velocità su zona euro - Fmi | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,210.57
    -0.38%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,469.55
    -0.38%
  • Euronext 100
    1,028.06
    -0.01%