13 febbraio 2017 / 12:36 / 6 mesi fa

PUNTO 1-Italia, Ue vede crescita vicino 1% in 2016-2018, la peggiore in Europa

(aggiunge dichiarazioni Moscovici)

MILANO, 13 febbraio (Reuters) - Dal 2016 al 2018, ultimo anno considerato nelle stime di inverno diffuse oggi, la Commissione Ue vede l'Italia in una fase di crescita stabile, ma modesta, in area 1%. Per il 2017 e il 2018 si tratta dei livelli più bassi di crescita dell'intera area Ue.

Analoga stabilità in tema di conti pubblici. Nel triennio di riferimento il deficit rimane sopra il 2% del Pil ma ben lontano dalla soglia del 3%, mentre il debito si conferma in area 133%.

La Commissione Ue giudica poi con piacere l'impegno dell'Italia alla correzione richiesta del budget strutturale 2017 dello 0,2% del Pil, pari a 3,4 miliardi. Per un giudizio definitivo Bruxelles aspetta però che il governo italiano, limitatosi sinora ad annunciare una copertura per il 25% con tagli di spese e per il 75% con un aumento delle entrate, dettagli le misure. "Adesso aspettiamo l'adozione di nuove misure entro la fine di aprile", ha detto in conferenza stampa il commissario Ue per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, sottolineando che la previsione del deficit/Pil 2017 al 2,4% non contiene gli effetti dell'attesa correzione.

Nelle stime il deficit strutturale è visto salire nel 2017 al 2,0% e nel 2018 al 2,5%.

CRESCITA AIUTATA DA POLITICA BCE

Il profilo del Pil tratteggiato dalla Commissione evidenzia per il 2017 il sostegno della politica espansiva della Bce ma anche il ruolo che dovrebbe giocare, a favore dell'export, l'accelerazione della domanda globale. I consumi dovrebbero beneficare, anche se meno degli anni precedenti, della creazione di posti di lavoro, ma saranno penalizzati dal rialzo dei prezzi dell'energia che peserà sul reddito disponibile.

Gli investimenti sono visti in rialzo del 2,4% grazie agli incentivi, soprattuto per quelli ad alto contenuto tecnologico. Ma la permanenza di una debolezza strutturale dell'economia italiana ne impedirà un maggior recupero.

L'export italiano beneficerà della ripresa del commercio internazionale ma crescerà comunque meno delle importazioni, sostenute dagli investimenti interni.

Il tasso di inflazione ritornerà sopra l'1% grazie alla ripresa dei prezzi dell'energia. In crescita più contenuta la core inflation, che meglio esprime la spinta sui prezzi della domanda interna, dallo 0,5% nel 2016 all'1,2% nel 2018.

CONTI PUBBLICI SENZA AGGIUSTAMENTI

Il deficit, che sta beneficiando della ridotta spesa per interessi grazie alla Bce, nel 2017 si attesterà al 2,4% con spesa primaria ed entrate in crescita entrambe dell'1,5%.

La maggiore spesa pensionistica sarà compensata dal contenimento degli aumenti degli stipendi pubblici e di quelli della spesa sanitaria.

Il debito/Pil è visto in area 133% nel triennio 2016/2018.

L'incremento del 2016 viene spiegato in parte con l'aumento della liquidità disponibile nel conto del Tesoro, mentre per il 2017 la Commissione ricorda gli oneri legati al sostegno del settore bancario e agli incentivi per gli investimenti.

TASSO DISOCCUPAZIONE ANCORA ALTO

Il tasso di disoccupazione è visto in lieve calo, all'11,6% nel 2017 e all'11,4% nel 2018, ancora su livelli elevati.

Questo, a fronte di più persone che cercano lavoro, si accompagnerà a una crescita del tasso di occupazione in area 0,7/0,8% nel biennio 2017/2018.

Le pressioni sul costo del lavoro rimarranno contenute. I recenti accordi per alcune categorie, a partire dai metalmeccanici, hanno confermato la moderazione salariale diffusa nel mondo del lavoro.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below