Mps, assemblea approva aumento da 5 mld per salvare banca, aleggia incognita referendum

giovedì 24 novembre 2016 19:06
 

di Stefano Bernabei

SIENA, 24 novembre (Reuters) - I soci del Monte dei Paschi di Siena, presenti per poco più del 20% del capitale, hanno approvato dopo nove ore a larghissima maggioranza il decisivo aumento di capitale da 5 miliardi. Spetta ora al management, guidato dall'AD Marco Morelli, portare a termine l'operazione subito dopo il referendum costituzionale per salvare la banca dalla risoluzione.

Il piano non ha alternative. Serve a pulire il bilancio da 27 miliardi di sofferenze lorde, ad alzare le coperture per i crediti dubbi e ripianare le perdite con la ricapitalizzazione basata su tre pilastri: conversione volontaria fino a circa 5 miliardi di obbligazioni subordinate da cui la banca stima di ricavare poco più di un miliardo; uno o più investitori cornerstone; un'offerta di nuove azioni, senza diritto di opzione ai soci, per arrivare in tutto a 5 miliardi di nuovo capitale.

Per minimizzare le richieste al mercato, Morelli, in banca da 70 giorni, sta cercando anchor investor e ha già incontrato più di 250 investitori. "Il 50% nel Regno Unito, il 22% in Usa e il 24% in altri paesi, coprendo tutte le tipologie", da grossi private equity, a fondi sovrani e istituzionali inclusi hedge fund. Ma nessuno ha preso impegni vincolanti.

"Come prassi questi interlocutori prendono impegni vincolanti in prossimità del lancio", e in particolare quando viene aperta la finestra di sottoscrizione", ha detto.

Il piano deve avere tutte e tre le gambe per stare in piedi e l'aumento verrà lanciato subito dopo il referendum del 4 dicembre, scadenza a cui il governo rischia di legare la sua sopravvivenza e Mps la possibilità di realizzare il suo piano di mercato.

ASPETTARE IL VOTO DEL 4 DICEMBRE

Per questo tra gli azionisti c'è chi aspetterà l'esito del voto per decidere se sostenere la banca.   Continua...