Npl, riduzione tempi recupero 2 anni potrebbe far salire prezzi 5-10%-Intesa

martedì 22 novembre 2016 16:49
 

MILANO, 22 novembre (Reuters) - Una diminuzione di due anni dei tempi di recupero può comportare un aumento del prezzo di mercato delle sofferenze tra il 5 e il 10%, a parità di altre condizioni.

Lo ha detto Biagio Giacalone, della Direzione pianificazione e active value management di Intesa Sanpaolo, intervenendo a un convegno sugli Npl a Milano.

"Sul fronte delle riforme sono stati fatti passi avanti. Accorciare i tempi delle procedure di recupero significa aumentare il valore di mercato delle sofferenze", spiega Giacalone.

Intervenendo allo stesso convegno, il responsabile Risk transfer solution global markets di Banca Imi Vittorio Savarese ha affermato che sono attualmente in fase di "lavorazione" altre operazioni di cartolarizzazione di sofferenze simili a quella fatta da banca Popolare di Bari, anche se in un contesto di mercati più difficile.

Savarese cita l'aumento dello spread Btp-Bund, con effetto sul pricing del titolo garantito, e l'aumento dei Cds bancari, con effetto sul costo della garanzia.

"Questo ci permetterà di valutare gli effetti dell'introduzione della Gacs sull'effetto leva, ovvero su quanto favorire il leverge di queste operazioni possa risultare benefico in termini di prezzo complessivo di un portafoglio di sofferenze".

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia