Conversione bond subordinati cruciale per futuro Monte dei Paschi

martedì 22 novembre 2016 15:55
 

* Italia e Commissione Ue hanno combattuto sugli aiuti di Stato

* Lo swap sul debito impone perdite ai possessori di bond

* Può aiutare Roma ad ottenere il via Ue per il sostegno pubblico

di John O'Donnell e Francesca Landini

FRANCOFORTE/MILANO, 22 novembre (Reuters) - Lo swap in azioni delle obbligazioni subordinate proposto dal Monte dei Paschi potrebbe rendere più facile per la banca ottenere un sostegno da parte del governo, in caso di necessità, riferiscono fonti dell'Unione Europea.

Secondo fonti europee, l'incertezza creata dal referendum costituzionale del 4 dicembre ha portato l'Italia e Bruxelles a immaginare una strada alternativa, nel caso in cui lo stato fosse chiamato a sostenere la ricapitalizzazione dell'istituto.

Questa soluzione alternativa al piano privato, che scatterebbe solo in caso di necessità, prevederebbe un trattamento morbido degli obbligazionisti della banca, evitando di colpire tutti i possessori dei bond, come sarebbe invece richiesto nel caso di applicazione rigida delle regole europee.

"C'è flessibilità nelle regole", dice una fonte Ue, commentando la procedura europea che scatta nel caso di richiesta di via libera ad aiuti di Stato e prevede l'intervento dello stato solo dopo aver raccolto un contributo da parte degli azionisti e obbligazionisti della banca in difficoltà.

"Se Monte dei Paschi avrà bisogno di aiuti di stato, i possessori di bond subordinati saranno colpiti prima che lo Stato metta fondi pubblici nella banca", ha riferito un'altra fonte a conoscenza delle discussioni in sede europea.   Continua...