Zona euro, Regling sollecita maggior condivisione rischi

lunedì 21 novembre 2016 13:56
 

ROMA, 21 novembre (Reuters) - La zona euro deve condividere maggiormente i rischi nel settore finanziario per accelerare la crescita economica.

Lo ha detto il responsabile del fondo di salvataggio della zona euro, Klaus Regling.

Regling ha spiegato che l'integrazione finanziaria ha subìto una dura battuta d'arresto durante le due crisi consecutive che hanno colpito i 19 Paesi della zona euro dal 2008 in poi.

Secondo i suoi calcoli, il calo nella mobilità di capitali tra i Paesi della zona euro è costato 4 punti percentuali del Pil e mezzo punto percentuale in termini di crescita potenziale.

"La mancanza di condivisione dei rischi ... è una sfida capitale. Rappresenta per me la priorità economica quando penso ai divari che dovrebbero essere colmati per rendere più robusta l'Emu e l'economia della zona euro più resiliente".

L'Unione economica e monetaria (Emu) -- ovvero l'euro -- è il principale progetto economico e politico dell'Unione europea ma se la componente monetaria è stata realizzata e funziona bene, l'unione economica è lontana dall'essere completata.

Regling ha aggiunto che per sostenere l'integrazione finanziaria la banche devono ridurre in modo significativo i non-performing loan, forse anche con l'aiuto di incentivi fiscali, far diminuire i costi grazie alla chiusura di filiali e utilizzare meglio la tecnologia.

La zona euro inoltre deve portare a termine il suo progetto di unione bancaria fornendo sostegno finanziario al 'Single Resolution Fund' per le banche e realizzando un 'European Deposit Insurance Scheme', un'idea cui Berlino si oppone strenuamente.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia