Target2, su rialzo pesano modifiche in scelte famiglie, banche -Bankitalia

venerdì 18 novembre 2016 15:00
 

MILANO, 18 novembre (Reuters) - Il forte aumento della posizione debitoria della Banca d'Italia su Target2 è dovuto soprattutto a modifiche nelle scelte di portafoglio delle famiglie e alla minore raccolta all'estero delle banche italiane.

A spiegarlo è la stessa banca centrale nel Rapporto di stabilità finanziaria.

In particolare le famiglie hanno ribilanciato il proprio portafoglio, privilegiando fondi comuni e titoli esteri, in sostituzione soprattutto di titoli di Stato con rendimenti ormai molto bassi. A fine agosto le famiglie detenevano 93,8 miliardi di euro rispetto ai 105,5 miliardi di 12 mesi prima.

Le banche hanno rimborsato i propri bond in scadenza, in buona parte in mano a detentori esteri, sostituendoli con il ricorso ai finanzimenti gratuiti della Bce.

A fine ottobre il livello di Target2 ha raggiunto i 355 miliardi, 100 miliardi in più di inizio anno.

Non si sono avuti significativi disinvestimenti da titoli pubblici italiani da parte dei non residenti, aggiunge la banca centrale nel rapporto. Sempre a fine agosto i non residenti detenevano titoli di Stato italiani per 695,0 miliardi rispetto ai 710,8 dell'agosto 2015.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia"   Continua...