PUNTO 2-Italia, manovra rischia sforamento, giudizio finale a inizio 2017 -Ue

mercoledì 16 novembre 2016 16:03
 

* Moscovici: Ue terrà conto di spese per sisma e migranti

* Italia a rischio deviazione da target con altri 5 Paesi

* Ue si occuperà di debito Italia in prossimo rapporto (aggiunge commento Mef)

MILANO/BRUXELLES, 16 novembre (Reuters) - La manovra 2017 dell'Italia rischia di non rispettare i requisiti di bilancio europei e la Commissione rimanda i conti a un giudizio definitivo nella prima parte del 2017.

È quanto si legge nel documento contenente i pareri di Bruxelles sulle prospettive delle finanze pubbliche dei Paesi della zona euro nel prossimo anno.

L'opinione Ue non entra formalmente nel merito della richiesta italiana di scorporare le spese previste nel 2017 per l'emergenza migranti (0,2% del Pil) e per la ricostruzione e prevenzione legate agli eventi sismici (un altro 0,2%). Ma in conferenza stampa il Commissario agli Affari economici e monetari Pierre Moscovici ha riconosciuto che "una parte significativa" dello sforamento è riconducibile a tali fattori", aggiungendo che la Commissione ne terrà conto. In precedenza la Commissione aveva definito "non costruttiva" la spiegazione italiana al riguardo.

L'Italia, commentano dal Tesoro, si dice fiduciosa che la crescita consenta di raggiungere gli obiettivi e quindi annullare i rischi di non conformità, anche alla luce del buon andamento degli ultimi dati economici, e apprezza che la Commissione abbia deciso di adottare un orientamento espansivo del bilancio aggregato dell'Eurozona con l'obiettivo di un disavanzo dello 0,5%.

TERZA FASCIA   Continua...