Btp, spread su Bund amplia a 174, massimo da ottobre 2014

lunedì 14 novembre 2016 10:56
 

MILANO, 14 novembre (Reuters) - Dopo una chiusura a 166 punti base, il differenziale fra i tassi dei decennali italiano e tedesco si è ampliato fino a 174 punti base, superando i livelli toccati in giugno in seguito alla Brexit e portandosi ai massimi dal 21 ottobre 2014. In parallelo il rendimento del decennale supera la soglia del 2% e sale sino al 2,09%.

"È complicato stabilire un driver preciso, a parte quello tecnico, dopo la rottura di livelli chiave sul future. Se fossero esclusivamente fattori politici, che pure indubbiamente hanno un peso, dovremmo vedere anche un calo dell'azionario italiano" dice un trader.

"Ci sono vendite su tutti i periferici e sta allargando anche la Francia" dice un altro trader, a sottolineare come il fattore politico pesi solo relativamente.

Lo spread tra Francia e Germania sfiora ormai i 50 punti base, dopo essere salito venerdì sino a 44.

Incertezza politica ha portato sui mercati la dichiarazione del presidente del consiglio Matteo Renzi che dichiarato di non voler restare a "vivacchiare" in Parlamento in caso di vittoria del 'no' al referendum costituzionale.

"Ripeto però che un peso le dichiarazioni del mondo politico ce le hanno, anche perché il FTSE Mib sale, ma è quello che dall'inizio dell'anno ha perso tantissimo, quindi l'investitore ha più spazio per investire" precisa il primo trader.

Attorno alle 10,40 lo spread Italia-Germania sul tratto decennale quota 173 punti base, mentre l'indice FTSE Mib vede un rialzo di ciorca lo 0,2%. Il rendimento del decennale italiano è a 2,06%.

- Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia