Banca centrale San Marino lancia Aqr su attivi istituti per sciogliere nodo sofferenze

venerdì 21 ottobre 2016 16:58
 

MILANO, 21 ottobre (Reuters) - La Banca centrale sanmarinese lancerà a breve una valutazione approfondita sui bilanci delle banche del Paese e sulla loro capacità di gestione del rischio e della governance.

E' quanto si legge in un documento pubblicato sul sito della Banca centrale, che specifica come l'intervento sia "richiesto da tutti gli organismi internazionali e osteggiato dalla politica e dal vecchio management" e sarà affidato "ad una o più società di calibro internazionale".

L'asset quality review (Aqr) sembra essere un passaggio nel percorso che potrebbe portare San Marino a chiedere forme di assistenza finanziaria internazionale per affrontare il problema dei non perfoming loan che gravano sui bilanci della banche.

"Fornirà credibilità e faciliterà la mobilitazione di sostegno internazionale da parte di fonti pubbliche e private, bilaterali e multilaterali", si legge nella comunicazione trasmessa al Comitato per il credito e il risparmio.

L'istituto centrale del Titano è presiduto da Wafik Grais, cittadino egiziano con passaporto svizzero, che ha ricoperto incarichi presso la Banca mondiale.

Grais, nominato all'inizio di quest'anno, ha il delicato compito di gestire la ristrutturazione del sistema bancario sanmarinese, per decenni rifugio degli evasori fiscali -- principalmente italiani -- e ora alle prese con un processo di ristrutturazione legato all'adozione da parte del piccolo Stato della normativa internazionale sullo scambio automatico di informazioni.

Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, gli istituti bancari sanmarinesi avrebbero in pancia circa 2 miliardi di euro di non perfoming loan, pari al 140% del Pil.

(Elvira Pollina)   Continua...