SCHEDA-Pensioni: per Ape, 14esime e no-tax area solo 1,6 mld in 2017

venerdì 14 ottobre 2016 14:19
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - La legge di Bilancio che il governo varerà domani destina all'intero pacchetto pensioni 1,6 miliardi per il 2017, risorse che cresceranno nel triennio per un totale di 6 miliardi. Pochi soldi su una manovra da 24,5 miliardi ma che consentono a Matteo Renzi di rivendicare un intervento per rendere più flessibile l'uscita dal lavoro, stemperando le rigidità della riforma Fornero senza scontentare l'Europa.

Di seguito le misure chiave:

* APE: Anticipo pensionistico. La misura entrerà in vigore dal primo maggio 2017 per una sperimentazione di due anni. I lavoratori, anche del settore pubblico e partite Iva, potranno andare in pensione, su base volontaria, con un anticipo di 3 anni e 7 mesi (a partire quindi da 63 anni) ricevendo un prestito dalla banca che poi sarà restituito in 20 anni. Le assicurazioni dovranno garantire i rimborsi in caso di decesso. L'Ape è esente da imposte e sarà erogata per 12 mensilità.

Tre le tipologie:

- Ape 'sociale'. Lo Stato coprirà con un reddito ponte i costi dell'anticipo per i disoccupati di lungo corso, per chi assiste familiari disabili, e per chi svolge un lavoro gravoso o rischioso come maestre d'asilo, infermieri di sala operatoria, edili, macchinisti e autisti di mezzi pesanti.

Il tetto di reddito coperto dall'Ape sociale è di 1.350 euro lordi mensili (la parte eccedente è a carico del lavoratore) con 30 anni di contributi per i disoccupati e 36 per gli altri.

- Chi deciderà invece di uscire prima per sua volontà dovrà pagare il prestito con una rata del 4,5/6% per ogni anno di anticipo. Detrazioni previste per pagare gli interessi e l'assicurazione.

- La copertura spetterà alle aziende, previo accordo tra le parti, nel caso di pensionamenti anticipati per ristrutturazioni. Sarà versata all'Inps una contribuzione legata alla retribuzione in modo da avere un aumento della pensione che compensi gli oneri dell'Ape. Allo stesso tempo il governo darà agevolazioni fiscali per incentivare il versamento di contributi alla previdenza integrativa che rimpolpano l'anticipo.

  Continua...