Poste, non si può dare una data per cessione quota 30% - Pagani

martedì 13 settembre 2016 13:38
 

MILANO, 13 settembre (Reuters) - Al momento non è possibile fornire una tempistica per la cessione sul mercato del 30% di Poste italiane che resterà in mano al ministero dell'Economia per effetto del conferimento del 35% a Cassa depositi e prestiti.

A dirlo, a margine di Euromoney Italia a Milano, è il capo della segreteria tecnica del ministro Pier Carlo Padoan, Fabrizio Pagani.

Le parole di Pagani rafforzano quindi la possibilità di uno slittamento dell'operazione al 2017.

"C'e' un iter parlamentare relativo al Dpcm che deve essere concluso... Solo in quel momento si potrà decidere secondo momenti e tempi più opportuni di fare l'operazione, (i tempi) dipendono anche dal mercato, non posso darvi una data", dice Pagani riferendosi al decreto che ha disciplinato l'operazione, ufficializzata a fine maggio.

Tra le ragioni del rinvio c'è l'incertezza sul referendum costituzionale, atteso tra metà novembre e il 5 dicembre, e l'interesse di Poste per il dossier Pioneer, la società di asset management per cui Unicredit cerca un partner strategico.

(Valentina Za)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia