PUNTO 1-Banche zona euro fisseranno propri target per ridurre crediti deteriorati-Bce

lunedì 12 settembre 2016 18:08
 

(Aggiunge dettagli)

FRANCOFORTE, 12 settembre (Reuters) - Le banche della zona euro dovranno fissare propri obiettivi di riduzione dei 900 miliardi di crediti deteriorati, eredità della crisi finanziaria che frena la crescita, e solo significative carenze verrebbero sanzionate, secondo le nuove linee guida rese note oggi dalla Banca centrale europea.

La Bce sta cercando di spingere gli istituti, soprattutto nelle economie più deboli come quella italiana, a ridurre l'ammontare dei loro crediti deteriorati, che ostacolano la crescita economica frenando la capacità di erogare nuovo credito.

Sulla base della nuova guidance, alle banche verrà chiesto di fissare dei target numerici per ridurre questa categoria di crediti non performanti, da raggiungere in uno e in tre anni, e seguire una serie di altre linee guida.

Fallire questi obiettivi può portare a ricevere "misure di vigilanza" dalla Bce, come maggiori richieste sui requisiti di capitale.

Ma Bce spiega che le nuove linee guida non saranno vincolanti. Solo deviazioni significative dai target farebbero scattare azioni di vigilanza e la soluzione del problema, in molti casi, richiederà più dei tre anni.

Questo conferma una anticipazione di Reuters e suggerisce che Francoforte intenda limitarsi a fare pressione sulle banche piuttosto che forzare loro la mano, per evitare un impatto troppo duro sui profitti.

"Parte del lavoro è valutare se le banche sono vicine ad essere conformi alle linee guida o se hanno scostamenti significativi", ha detto Sharon Donnery, vice governatore irlandese che ha presieduto il gruppo di lavoro sui deteriorati.

"Se ci fossero significative carenze, allora ovviamente ci sarebbe da discutere con la banca su come intendano muoversi verso la conformità alle linee guida e in particolare in che arco di tempo intendano farlo".   Continua...