Bce lascia tassi invariati, conferma durata Qe a marzo 2017

giovedì 8 settembre 2016 14:04
 

FRANCOFORTE, 8 settembre (Reuters) - La Banca centrale europea ha lasciato invariati i tassi di interesse al termine del consiglio di politica monetaria.

Come atteso, Francoforte ha confermato così il costo del denaro a zero, il minimo di tutti i tempi in vigore ormai da marzo; invariati anche i tassi sui depositi marginali, a -0,40% -- livello raggiunto anche in questo caso in marzo con una limatura di un decimo -- e quello sui prestiti marginali a 0,25%.

La Bce ha inoltre confermato fine marzo 2017 come termine dell'attuale programma di acquisto asset, nonché l'importo mensile degli acquisti a 80 miliardi di euro. Ma la banca centrale ha ribadito che il programma potrà essere esteso nel tempo finché non sarà osservato un sostenuto aggiustamento del sentiero di inflazione.

Ribadita poi anche la cosiddetta 'forward guidance', secondo cui i tassi rimarranno agli attuali livelli o inferiori per un periodo di tempo prolungato, comunque ben oltre il termine del programma di Qe.

Ora il focus si sposta sulla conferenza stampa del presidente Mario Draghi, che inizierà alle 14,30, cui si accompagnerà anche l'aggiornamento delle stime trimestrali dello staff su crescita e inflazione.

Pubblicato giovedì scorso, l'ultimo sondaggio Reuters sulla zona euro prospettava per oggi un nulla di fatto sia sui tassi sia sull'importo del programma degli acquisti di 'quantitative easing'.

La maggioranza degli interpellati prevede che la prossima mossa di Francoforte -- presumibilmente in dicembre -- sarà un'estensione temporale del programma degli acquisti 'quantitative easing' oltre l'attuale scadenza di marzo 2017.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia