PUNTO 1-Italia, debito e deficit scenderanno anche con minor crescita - Padoan

venerdì 2 settembre 2016 12:35
 

(cambia titolo, aggiorna con dettagli da intervento a forum Ambrosetti)

CERNOBBIO, 2 settembre (Reuters) - Il quadro macroeconomico peggiore delle attese non modificherà il trend dei conti pubblici italiani: il debito scenderà già da quest'anno in rapporto al Pil e il deficit proseguirà la sua china discendente anche l'anno prossimo.

Sono i paletti fissati dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, a poche settimane dalla presentazione della prossima legge di bilancio.

"Per il rapporto debito/Pil l'obiettivo per quest'anno rimane quello della discesa" ha detto Padoan, intervistato da Reuters a margine del workshop Ambrosetti di Cernobbio, proprio mentre Istat confermava la stasi congiunturale dell'economia nel secondo trimestre.

La prossima legge di bilancio, che il governo varerà in ottobre per poi sottoporla al giudizio di Bruxelles, "conferma i principi della politica economica fin qui seguiti dal governo: il consolidamento delle finanze pubbliche e il sostegno alla crescita", ha detto poi Padoan di fronte ai rappresentanti della comunità economico finanziaria.

Questo in un contesto macroeconomico in cui "le risorse sono minori", anche per ragioni esogene, quali il calo dell'inflazione, che ha "un impatto sulla velocità della discesa del debito e sugli impegni presi dal governo".

Lobiettivo di deficit per l'anno prossimo non sarà quindi 1,8%, come previsto ad aprile, ma comunque si attesterà sotto il 2,3% indicato per quest'anno.

Per il debito/Pil, pari a 132,7% nel 2015, il governo ha preso l'impegno di un calo a 132,4% quest'anno.

Quanto alla composizione della manovra, Padoan è netto: "Quello che faremo sarà meno di quello che avremmo potuto fare, perché dobbiamo rispettare i vincoli".   Continua...