Grecia, lite su dati debito può essere "molto pericolosa" - Ue

mercoledì 24 agosto 2016 16:51
 

BRUXELLES/ATENE, 24 agosto (Reuters) - L'Unione europea ha chiesto alla Grecia di mettere a tacere quelle che considera false accuse contro l'ufficio statistico greco, ritenuto responsabile di avrebbe manipolato dei dati a beneficio dei creditori esteri, aggiungendo che la polemica pone dei rischi all'attuale piano di aiuti a favore del Paese.

Il governo greco ha replicato di essere sorpreso dalla presa di posizione della Commissione europea su una questione giudiziaria e di rispettare l'indipendenza di Elstat, l'ufficio statistico greco.

Dopo la riapertura da parte della Corte suprema greca di un'inchiesta nei confronti dell'ex-direttore di Elsat ed ex-economista del Fmi, Andreas Georgiou, per una presunta manipolazione dei dati, Marianne Thyssen, commissario per gli Affari Sociali che sovrintende Eurostat, l'agenzia statistica della Commissione, ha detto che non ci sono basi legali per accusare l'economista.

Georgiou, che si è dimesso nel 2015 dopo 5 anni alla testa di Elstat, ha smentito le ipotesi avanzate da diverse parti politiche di una manipolazione dei dati per ingigantire i problemi del debito pubblico e aiutare così i creditori.

"Per quanto risulta alla Commissione e a Eurostat è assolutamente chiaro che i dati sul debito del governo greco durante il 2010-2015 sono stati totalmente affidabili e accuratemente riferiti a Eurostat", ha spiegato Thyssen.

Il commissario ha aggiunto che il governo deve "contrastare attivamente e pubblicamente la falsa impressione che i dati siano stati manipolati nel periodo 2010-2015 e proteggere Elstat e il suo staff da accuse infondate".

Alla domanda se la situazione potesse mettere in pericolo l'esborso dei fondi legati al piano di salvataggio, Thyssen ha detto: "E' necessario correggere la descrizione dei fatti che non è stata fatta in modo accurato ed evitare interpretazioni errate, perché può essere molto pericoloso".

Nel 2013 un ex-funzionario di Elstat ha accusato Georgiou di aver gonfiato i numeri sul deficit di bilancio. L'autorità giudiziaria greca aveva accantonato il caso a luglio dello scorso anno, ma un procuratore del tribunale di ultima istanza ha fatto appello contro la decisione di archiviare.

  Continua...