PUNTO 2-Pil fermo allontana 1% per 2016, stringe margini manovra Renzi

venerdì 12 agosto 2016 17:35
 

(aggiunge commento Tesoro)

di Luca Trogni

MILANO, 12 agosto (Reuters) - La crescita italiana è ferma. Il Pil invariato del secondo trimestre, come non accadeva dal 2014, rende difficilissimo il raggiungimento di una crescita dell'1% per l'intero 2016 e contribuisce a renderlo improbabile anche per il prossimo anno.

Il dato, inferiore alle attese, riduce i margini di manovra del governo di Matteo Renzi che in autunno vorrebbe varare nuove misure di stimolo all'economia e che poco dopo dovrà affrontare il referendum costituzionale al quale ha legato il suo destino politico.

Una revisione al ribasso, in occasione della legge di Stabilità, attende il governo, che ad aprile ha stimato +1,2% per il 2016 e +1,4% per il prossimo anno. E per il 2016 diventa ancora più arduo mantenere l'obiettivo di calo del rapporto debito/pil.

Dopo lo 0,3% del primo trimestre, lo stop nel periodo aprile-giugno fotografato dalla stima preliminare Istat, porta a una crescita acquisita dello 0,6%.

"Con +0,2% nei due trimestri successivi si andrebbe a 0,7%, con +0,3% si arriverebbe a +0,8" spiega Paolo Mameli, economista dell'ufficio studi di Intesa Sanpaolo.

Morgan Stanley ha bruscamente ridotto le sue previsioni: per il 2016 vede ora il Pil allo 0,8% dall'1,2% precedente, per il 2017 allo 0,7% dall'1,7%.

"Piuttosto che un'accelerazione nei prossimi trimestri, il picco del ciclo è probabilmente dietro di noi e la crescita sembra dover rallentare per qualche tempo" commenta Daniele Antonucci.   Continua...