Corte Cassazione da' via libera a referendum costituzionale

lunedì 8 agosto 2016 13:05
 

ROMA, 8 agosto (Reuters) - La Corte di Cassazione ha dato il via libera oggi al referendum d'autunno sulla riforma costituzionale, ritenendo ammissibili le firme raccolte dai comitati per di Sì.

Lo ha reso noto un funzionario della Corte.

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha legato il futuro del governo alla riforma costituzionale che mette fine al bicameralismo perfetto e riporta allo Stato alcuni poteri delle Regioni.

A sorpresa, venerdì sera, l'agenzia di rating Dbrs ha messo sotto osservazione per un possibile downgrade il rating sovrano A(low) dell'Italia, l'unico che finora ha permesso al paese di rimanere nella categoria di rating più alta agli occhi della Bce, citando le incertezze politiche legate all'esito del referendum costituzionale e le difficoltà del settore bancario, in un contesto di crescita fragile.

La riforma della Costituzione non è stata approvata dalle Camere con la maggioranza qualificata dei due terzi, lasciando dunque la porta aperta alla possibilità di un referendum confermativo.

Questo tipo di referendum - che non ha quorum, a differenza di quello abrogativo - può essere promosso su richiesta di un quinto dei membri dei una Camera, di cinque consigli regionali o di 500.000 elettori.

A questo punto il capo dello Stato avrà 60 giorni per promulgare un decreto, su proposta del Consiglio dei ministri, con la data del referendum.

La legge 352 del 1970, che regola il referendum, prevede che la data per la consultazione sia una domenica compresa tra il 50esimo e il 70esimo giorno successivo all'emazione del decreto.

Al momento, pare più probabile che la consultazione sia a novembre, comunque dopo la presentazione della legge di Stabilità prevista a metà ottobre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia