BUZZ-Mps corre su ottimismo cessione Npl, aumento capitale, trascina settore

venerdì 15 luglio 2016 10:32
 

MILANO, 15 luglio (Reuters) - Il mercato crede più probabile una soluzione alla crisi di Banca Monte dei Paschi di Siena .

** Attorno alle 10,25, infatti, il titolo dell'istituto guidato da Fabrizio Viola balza del 2,5%, a 0,3491 euro, dopo aver toccato un massimo di 0,3549 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano circa 34 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 96,313 milioni negli ultimi trenta giorni.

** Secondo indiscrezioni di stampa, riportate da diversi broker, Ubs e Citi stanno cercando potenziali sottoscrittori di un aumento di capitale a 0,1 euro per azione, per un ammontare complessivo di 3,5-4 miliardi. No comment da parte delle due banche.

** L'operazione arriverebbe solo dopo la cessione di non performing loans per un ammontare netto di 10 miliardi. Stando ad un quotidiano, Mps non sarebbe lontana dall'ottenere una valutazione degli Npl pari al 30% del valore facciale, anche se, al momento, le offerte si fermerebbero al 27-28%. Ilvalore di carico attuale è di circa il 36%.

** Un analista calcola che una cessione di 10 miliardi di Npl al 27-28% si tradurrebbe in un'erosione di capitale pari a 1,8 miliardi, ovvero 250 punti base di CET1, con la conseguente necessità di un aumento di 3 miliardi per riportare il CET1 sopra la soglia richiesta.

** L'analista ritiene che un acquisto di Npl da parte di Atlante renderebbe "assolutamente fattibile" l'aumento di capitale, operazione che, per quanto diluitiva, cancellerebbe il rischio sistemico ed eviterebbe il burden sharing.

** Se il quadro tracciato sopra prendesse vita, aggiunge l'analista, a trarne beneficio sarebbe l'intero settore bancario italiano.

** A metà mattino il paniere delle banche italiane è in rialzo (+1,24%) e tutti i titoli sono positivi: UniCredit +2,23%, Popolare Milano +0,92%, Intesa Sanpaolo +0,83%, Ubi Banca +0,29%, Banco Popolare +0,43% e Mediobanca +0,42%. Tra le mid cap, in evidenza Carige (+1,91%) e Credito Valtellinese (+1,81%).

  Continua...