MONETARIO-Tassi su limite inferiore, operatività regolare per banche

venerdì 15 luglio 2016 11:10
 

MILANO, 15 luglio (Reuters) - Un eccesso di liquidità attorno ai 900 miliardi di euro tiene il mercato monetario al riparo da tensioni, con tassi schiacciati sul 'deposit rate' Bce di -0,40%.

Il mercato si è stabilizzato dopo i movimenti di fine giugno, legati prima all'esito del referendum sulla Brexit poi alla scadenza del semestre, né sono previsti particolari reazioni ai riversamenti fiscali della settimana prossima.

** Le scadenze fiscali di luglio sono in calendario tra il 20 e il 25, con uscite stimate in circa 35 miliardi complessivi, di cui quasi due terzi nella giornata di giovedì 21.

** "L'impatto sarà del tutto relativo, al massimo un paio di centesimi" commenta un tesoriere da Milano. "Non ci sono spunti per altri movimenti; il mercato non sconta niente a breve dalla Bce e anche la Bank of England ha confermato che le banche centrali non hanno tutta questa fretta di intervenire".

** Ieri la Bank of England ha lasciato i tassi invariati, deludendo le aspettative del mercato, anche se un nuovo "pacchetto" di misure espansive è stato probabilmente solo rimandato ad agosto. Il meeting Bce è in agenda per giovedì prossimo.

** Alle ore 11 su General Collateral Italia l'overnight scambia a -0,385%, il tom/next a -0,380%, lo spot/next -0,390%.

** Continua a mostrarsi regolare l'operatività delle banche italiane sul mercato, peraltro al termine di una settimana che ha visto un ridimensionamento delle tensioni in Borsa sui titoli del settore. "Datori e prenditori restano in equilibrio, non vediamo sbilanciamenti tra domanda e offerta di fondi", osserva il tesoriere.

** In un'intervista al Sole 24Ore il responsabile della vigilanza Bce Angeloni ha affermato che non c'è un problema Paese per le banche italiane, ma problemi specifici per alcune -- gravate da un alto livello di Npl -- che possono essere gestiti. I dati di Bankitalia di questa settimana hanno mostrato una risalita delle sofferenze lorde degli istituti italiani a quota 200 miliardi.

** Nel p/t settimanale di martedì scorso la Bce ha collocato fondi per 42,467 miliardi sui 44,089 in scadenza; la stima del benchmark è scesa a -510,5 miliardi dai -471 miliardi della settimana precedente.   Continua...