Atlante, nessuna proposta a enti previdenza, nostri investimenti prudenti - Oliveti

giovedì 30 giugno 2016 12:21
 

ROMA, 30 giugno (Reuters) - Gli enti previdenziali non hanno avuto proposte dirette dal governo per un eventuale ruolo di rafforzamento del fondo Atlante.

Lo ha detto a Reuters il presidente di Adepp (associazione degli enti di previdenza privati) e dell'Enpam, cassa dei medici e odontoiatri, Alberto Oliveti.

"Né come presidente Enpam né come Adepp mi sono state fatte proposte dirette. Leggo sui giornali con grande attenzione sulle ipotesi di un cosiddetto Atlante 2. È stato detto da esponenti del governo, e giustamente, che occorre essere molto attenti a tutelare il risparmio postale", ha detto.

"A maggior ragione occorre prestare attenzione alla contribuzione obbligatoria di primo pilastro, il cui investimento deve avere finalità protettive e non speculative", ha aggiunto il presidente dell'Adepp.

Il governo sta sondando nuovi investitori per aumentare di 3-5 miliardi le risorse del fondo Atlante, secondo quanto riferisce una fonte governativa.

La dotazione iniziale di Atlante, pari a 4,25 miliardi, si è più che dimezzata con il salvataggio di Popolare Vicenza e Veneto Banca.

L'esecutivo in questa fase è in contatto con i primi sottoscrittori di Atlante ma guarda soprattutto ad un investimento di casse previdenziali e fondi pensione privati.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia