Pensioni, governo discute con sindacati rivalutazione, no-tax area

martedì 28 giugno 2016 18:46
 

ROMA, 28 giugno (Reuters) - Governo e sindacati hanno affrontato oggi, nel quarto round sulla previdenza, la possibilità di rivalutare gli assegni previdenziali e di estendere la no-tax area, attualmente fissata intorno a 8.000 euro lordi annui di reddito.

Lo riferisce in una nota il ministro del Welfare Giuliano Poletti, al termine dell'incontro con Cgil, Cisl e Uil al quale ha partecipato Tommaso Nannicini, sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

"Oggi abbiamo affrontato alcune problematiche che riguardano chi è già in pensione, come le modalità di rivalutazione degli assegni, l'estensione della no-tax area e la separazione tra previdenza e assistenza", scrive Poletti.

L'adeguamento delle pensioni al tasso di inflazione è stato bloccato dalla riforma Fornero del 2012 per ragioni di bilancio, misura poi ammorbidita dal governo Letta che ne prevedeva la durata fino al 2016. L'esecutivo Renzi l'ha però prolungata fino al 2018 stabilendo che ci sarà una rivalutazione in base all'inflazione del 100% per gli assegni fino a tre volte il minimo Inps (circa 1.500 euro al mese), con un decalage fino al 45% per quelli oltre 6 volte il minimo.

Per le risorse da destinare a interventi più onerosi, come l'Ape, il governo rimanda alla Finanziaria d'autunno. Parola d'ordine: "verificarne la compatibilità con l'equilibrio complessivo della finanza pubblica", ha detto Poletti.

La Uil stima che in Europa la tassazione media sulle pensioni sia del 12,66%, a fronte del 21% in Italia, alla quale bisogna aggiungere le addizionali locali e regionali.

La percentuale di incidenza della tassazione, spiega la Uil, è calcolata su una pensione pari al reddito medio del paese di riferimento scontato del tasso di sostituzione. La tassazione è stata inoltre calcolata al netto delle eventuali agevolazioni fiscali o incentivi propri di ogni paese.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia