Pensioni, Eurogruppo frena su uscite anticipate

venerdì 17 giugno 2016 09:04
 

MILANO, 17 giugno (Reuters) - In tema di sostenibilità dei sistemi pensionistici, i ministri finanziari della zona euro hanno lanciato un monito ai Paesi membri sollecitandoli a non favorire le uscite anticipate dal lavoro, un'ipotesi su cui nei giorni scorsi in Italia governo e sindacati hanno inziato un confronto.

Da Lussemburgo, dove ieri erano riuniti per il consueto meeting, i ministri hanno ribadito una serie di linee guida in tema di riforme delle pensioni, ponendo l'accento sulla necessità di tutele contro rischi demografici e macroeconomici, politiche complementari e riforme più vaste per rafforzare crescita e occupazione. I

"Le politiche complementari dovrebbero mirare a prolungare la vita lavorativa e in questo modo accrescere i redditi pensionistici, attraverso misure che aumentino la occupabilità delle persone anziane e riducano il ritiro anticipato della forza lavoro", si legge in una nota diffusa dall'Eurogruppo in cui i ministri non fanno riferimento ad alcun Paese in modo specifico.

Qualche giorno fa, in un incontro tra governo e sindacati, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini ha confermato l'intenzione di consentire un anticipo finanziario della pensione netta per gli anni che mancano alla vecchiaia (oggi a 66,7 anni) con il pagamento di una rata di ammortamento di 20 anni, attraverso la copertura assicurativa ed una detrazione fiscale sulla parte del capitale anticipato per alcuni soggetti più deboli.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia