Italia, aumento Iva sarebbe un boomerang - Sangalli (Confcommercio)

giovedì 9 giugno 2016 11:23
 

ROMA, 9 giugno (Reuters) - L'eventuale aumento dell'Iva sarebbe un boomerang, ha avvertito oggi il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, che ha parlato di una ripresa economica "senza mordente".

"Non toccare l'Iva è un impegno irrinunciabile per la crescita", ha detto Sangalli all'Assemblea generale di Confcommercio. "Spostare la tassazione sulle cose è come lanciare un boomerang, perché alla fine l'Iva la paghiamo tutti".

Il governo si è impegnato a sterilizzare le clausole di salvaguardia, aumenti di imposte previsti a garanzia del percorso di avvicinamento al pareggio di bilancio. Per il 2017 l'operazione richiede risorse pari a 15 miliardi di euro.

Nel suo primo intervento pubblico come presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia il mese scorso ha chiesto al governo di spostare il carico fiscale, alleggerendo quello sul lavoro e sulle imprese e aumentando quello sulle cose.

Nel suo intervento Sangalli ha sottolineato che "la drammatica crisi dei migranti, il rallentamento dell'economia cinese, le recessioni in alcuni paesi emergenti e il rischio Brexit, mettono in discussione il teorema che la crisi sia soltanto un brutto ricordo. Insomma, siamo di fronte ad una ripresa senza slancio e senza intensità, senza mordente".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia