Banche, riforma fallimentare in ddl approvato da governo - Pagani

giovedì 18 febbraio 2016 16:46
 

MILANO, 18 febbraio (Reuters) - Il tema della riforma del diritto fallimentare è oggetto di un disegno di legge che è stato approvato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri.

Lo ha dichiarato Fabrizio Pagani, capo della segreteria tecnica del ministro dell'Economia, a margine della Ubs Conference.

"Il tema della riforma del diritto fallimentare con il passaggio dalla nozione di fallimento a quella di insolvenza è oggetto di un disegno di legge approvato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri", ha detto Pagani rispondendo a chi gli chiedeva un commento su quanto riportato da un quotidiano secondo cui il provvedimento, che doveva essere inserito nel decreto legge sulla riforma delle Bcc e sulle sofferenze, sarebbe poi caduto.

Secondo i banchieri l'accorciamento dei tempi delle procedure per il recupero dei beni sottostanti le sofferenze è cruciale per aiutare le banche a smaltire i crediti dubbi.

"È la parte cruciale per favorire l'alleggerimento delle banche dai non performing loans e per convincere gli investitori esteri che si possono recuperare le garanzie velocemente", ha commentato l'AD di Bpm, Giuseppe Castagna. "Prima si fa meglio è per tutti", ha aggiunto.

Il Ceo di UniCredit Federico Ghizzoni legge la decisione di inserire il provvedimento in un disegno di legge in senso positivo.

"Da quanto ho inteso io non è stato tolto per sempre ma per ridiscuterlo a breve e renderlo probabilmente più efficace rispetto alla prima versione. Leggo questa notizia in positivo piuttosto che in negativo", ha detto.

Pagani ha poi ricordato che nel decreto legge sulle sofferenze è stata ridotta a 200 euro l'imposta di registro per gli immobili comprati nelle aste fallimentari. "E' un provvedimento molto importante che ci aspettiamo velocizzi le procedure d'asta oltre a essere un ulteriore taglio di tasse che va sempre bene", ha detto.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia