Renzi: Ue zitta davanti a Fiscal compact che uccide economia

mercoledì 17 febbraio 2016 17:54
 

ROMA, 17 febbraio (Reuters) - Matteo Renzi continua a difendere la battaglia dell'Italia per ottenere flessiblità sul deficit e rimprovera l'Europa per aver approvato il Fiscal compact con regole così stringenti da rischiare di strangolare le economie nazionali.

In un passaggio dell'intervento alla Camera, dopo quello del Senato alla vigilia del Consiglio Ue, Renzi ha detto che l'Europa è stata "zitta di fronte ad un passaggio storico in cui il Parlamento ha votato regole fiscali, il Fiscal compact, di una durezza talmente devastante che nessun Paese può rispettarle senza correre il rischio di uccidere le economie".

Il premier ha poi ribadito che la stima di indebitamento rispetto al Pil per quest'anno è di 2,4% a fronte del 2,5% della Commissione Ue. "Vedremo".

Secondo le regole fiscali europee del 2012, gli Stati membri devono avere un deficit strutturale non superiore allo 0,5% del Pil o all'1% qualora il debito/Pil fosse inferiore al 60%. Sanzioni automatiche qualora l'indebitamento sul Pil superi il 3%.

I Paesi con un debito superiore al 60% del Pil devono impegnarsi a ridurre la differenza rispetto a questo valore di riferimento di un ventesimo all'anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia