Ue, troppa discrezionalità singoli stati in regole bancarie - Caruana (Bri)

venerdì 5 febbraio 2016 12:13
 

LONDRA, 5 febbraio (Reuters) - Nelle regole bancarie uniche dell'Unione Europea resta troppa discrezionalità ai singoli paesi e deve essere posta maggiore attenzione alle banche piccole potenzialmente rischiose.

Lo ha detto oggi il numero uno della Banca dei Regolamenti Internazionali.

Jaime Caruana, General Manager dell'entità con sede in Svizzera, ha detto che "sarebbe bene" se proseguisse il lavoro di armonizzazione delle regole bancarie Ue e ha messo in guardia contro quello che ha definito come discrezionalità nazionali "eccessive".

"Non penso che sarebbe buono avere definizioni diverse di non-performing loans", ha detto ad una conferenza della European Banking Authority.

"Sarei anche in favore di una maggiore proporzionalità (nell'attenzione ai rischi)", ha aggiunto. L'attenzione "dovrebbe essere più sui rischi, non solo sulle dimensioni" e ha anche detto che resta un nodo quello dei legami fra le banche e i titoli di stato domestici che detengono.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia