Italia, giudizio Ue su richieste deficit a maggio, buon rapporto con Padoan - Moscovici

giovedì 4 febbraio 2016 11:54
 

MILANO, 4 febbraio (Reuters) - La decisione della Commissione europea se accogliere interamente le richieste italiane sul piano delle attenuanti per il deficit - la cosiddetta flessibilità - verrà comunicata soltanto a maggio.

Il calendario dell'esecutivo europeo è preciso e vale per tutti i Paesi della zona euro, e nel caso dell'Italia - unica a chiedere l'intero spettro dei margini sul disavanzo - è in corso un confronto "aperto e di qualità" tra Pier Carlo Padoan e il responsabile Ue agli Affari economici e monetari Pierre Moscovoci.

Sono le parole dello stesso commissario, che ha commentato con la stampa le ultime proiezioni della Commissione - in cui l'attesa di Bruxelles sul deficit italiano 2016 viene portata a 2,5% a 2,3% delle stime d'autunno.

"Leggo anche io i giornali italiani e mi sembra che sul tema della flessibilià ci sia una certa confusione... da come si parla di me sembro a volte uno schizofrenico, ma è una patologia di cui non soffro" esordisce Moscovici.

"La posizione della Commissione e la mia sono chiare: l'Italia sa - e deve sapere - di essere l'unico Paese ad aver fatto richiesta del massimo grado di flessibilità, per decidere esiste però un calendario preciso e lo faremo a maggio. I contatti tra me e il ministro Padoan sono regolari, il nostro è un dialogo aperto e di qualità" aggiunge.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia