PUNTO 1-Italia ha già ottenuto flessibilità, rispetti obblighi - Ppe

martedì 2 febbraio 2016 18:28
 

(Aggiunge lettera Juncker in coda)

ROMA, 2 febbraio (Reuters) - L'Italia ha avuto dalla Commissione europea il "massimo possibile" di flessibilità e ora deve rispettare i vincoli di bilancio.

A dirlo è il presidente del gruppo Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, nel corso di una conferenza stampa a Strasburgo ascoltata in streaming.

"La Commissione europea ha garantito la massima flessibilità. I socialisti dentro la Commissione constatano che non ci sono più margini", ha detto Weber.

L'Italia ha chiesto a Bruxelles di aumentare il deficit dall'1,4 al 2,4% del Pil, quasi 18 miliardi in valore assoluto.

La Commissione finora ha autorizzato il governo ad alzare l'asticella dell'indebitamento all'1,8% del Pil e si pronuncerà sulle ulteriori richieste in primavera.

Ieri dall'Africa il premier Matteo Renzi ha escluso un passo indietro, anche a costo di veder tornare l'Italia sotto procedura di infrazione: "Se vogliono facciano pure: noi andiamo avanti. Per noi Europa significa valori e ideali, non polemiche da professionisti dello zero virgola", ha detto.

Intanto però il governo ha ottenuto che la sua quota parte di finanziamenti alla Turchia per la crisi migratoria non sarà tenuta in conto quando si tratterà di verificare il rispetto dei saldi di bilancio. Il chiarimento è contenuto in una lettera che il presidente della Commissione Jean Claude Juncker ha inviato ieri allo stesso Renzi.

"Sono felice di confermare che la Commissione rispetta le sue dichiarazioni", scrive Juncker.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia