Gran Bretagna, banca centrale lascia costo denaro invariato a 0,50%

giovedì 10 dicembre 2015 13:15
 

LONDRA, 10 dicembre (Reuters) - La banca centrale britannica ha lasciato invariato il costo del denaro al termine della riunione del proprio comitato di politica monetaria.

In linea con le attese del mercato, il tasso di riferimento nel Regno Unito resta al minimo storico dello 0,50%, livello cui si trova ormai dal marzo del 2009.

La decisione, come emerge dalle minute del meeting pubblicate contestualmente, è stata presa con otto voti contro uno solo a favore di un rialzo allo 0,75%; alla base c'è la constatazione della nuova discesa dei prezzi petroliferi a livello globale e della più lenta crescita dei salari a livello interno.

Sempre nelle minute si legge che la banca centrale conferma la previsione di un'inflazione sotto l'1% fino alla seconda metà del 2016.

Nessuno degli economisti interpellati nell'ultimo sondaggio Reuters, condotto a fine novembre, prevedeva per oggi alcuna mossa sui tassi.

Dal sondaggio emerge che il primo intervento della Bank of England, con un rialzo di 25 punti base del costo del denaro, non dovrebbe verificarsi prima del secondo trimestre dell'anno prossimo. Inoltre, il sondaggio indica che se la Fed non alzerà i tassi come previsto la settimana prossima, i tempi per una mossa della Banca d'Inghilterra potrebbero ulteriormente slittare in avanti.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia